venerdì 22 febbraio 2019

Carmen - Non È Amore

La mia stanza affaccia in un cortile interno
che se piove sembra di stare ad un concerto
che poi la pioggia mi è sempre piaciuta
mi ricorda che ritorna sempre il sereno

Ti ho aspettato con la luce accesa
perché so che hai paura del buio
e se non hai mangiato niente da stamattina
in cucina t’ho lasciato la mia cena

Cosa c’è rimasto da dirci
se poi vai con la prima che incontri
e non riesci più a guardarmi

cosa c’eravamo promessi
quel giorno sotto casa mia
nemmeno te lo ricordi

Sulla mia faccia c’è ancora stampata la tua mano
che tanto poi alla fine è sempre colpa mia
ed ho provato a cambiare mille volte lavoro
ma non bastava mai per la tua gelosia

Cosa c’è rimasto da dirci
se ci tocchiamo le mani
solamente per affondarci

cosa ti è rimasto dei miei occhi
se mi usi come un tappeto
per pulire via i tuoi rimorsi

Io te l’avevo detto, te l’avevo detto
che sarebbe andato tutto a puttane
che l’amore vero, l’amore vero
non è la tua assurda ossessione

eri la mia notte di Natale
la frase da dire a bassa voce
possibile che non ti accorgi
che questo non è amore

Ogni cicatrice oggi è il mio più bel difetto,
mi ricorda cosa sono stata
e se t’avessi detto almeno una volta
quello che penso, forse mi sarei salvata

Cosa c’eravamo promessi
sotto il palco a voce alta
mentre suonavano i nostri pezzi

cosa ti è rimasto da dirmi
tanto lo so che ti nascondi
perché vali meno di quanto pensi

domenica 17 febbraio 2019

Giusy Ferreri - Le cose che canto

La senti la brezza
e il passo delle biciclette
apri la porta
e fai entrare le stelle

Dove hai messo la testa
stai sognando da ore
è così bello vederti
sotto l’Orsa Maggiore

Accendo le luci
ad una ad una
le luci di questa città
non vado di fretta
mi prendo ogni spazio
la notte è fantastica

Non dire una parola è bellissimo adesso
quando non mi lasci sola è ancora tutto più bello
è al cospetto della luna che ci guarda dall’alto
e ti giuro solo questo
e ti giuro solo questo


E’ la prima pioggia sa di te
il primo sorriso sa di te
le ferie d’agosto, i sogni d’inverno
le cose che canto sanno di te

E l’ultima spiaggia sa di te
e l’ultimo bacio sa di te
le ferie d’agosto i sogni d’inverno
le cose che canto sanno di te

Hai ascoltato la sera
come ti parla all’orecchio
ti prende per mano
e ti porta a letto
e i colori del cielo
e i colori dei rami
si mischiano insieme e diventano quadri

Non vado di fretta
mi prendo ogni spazio
la notte è fantastica

Non dire una parola è bellissimo adesso
quando non mi lasci sola è ancora tutto più bello
è al cospetto della luna che ci guarda dall’alto
e ti giuro solo questo
e ti giuro solo questo

E’ la prima pioggia sa di te
il primo sorriso sa di te
le ferie d’agosto, i sogni d’inverno
le cose che canto sanno di te
e l’ultima spiaggia sa di te
e l’ultimo bacio sa di te
le ferie d’agosto, i sogni d’inverno
le cose che canto sanno di te

Sei semplicemente sempre, te
Sei semplicemente sempre, te

E’ la prima pioggia sa di te
il primo sorriso sa di te
le ferie d’agosto i sogni d’inverno
le cose che canto sanno di te
e l’ultima spiaggia sa di te
e l’ultimo bacio sa di te
le ferie d’agosto i sogni d’inverno
le cose che canto sanno di te.

Le ferie d’agosto i sogni d’inverno
le cose che canto sanno di te.

venerdì 8 febbraio 2019

Arisa - Mi sento bene

https://lyricstranslate.com/en/mi-sento-bene-i-feel-well.html

Credere all'eternità è difficile,
basta non pensarci più e vivere.
E chiedersi che senso ha è inutile
se un giorno tutto questo finirà.
Ritrovare un senso a questo assurdo controsenso
è solamente la più stupida follia.

Se non ci penso più, mi sento bene.
Guardo una serie alla tivù e mi sento bene.
Leggo un giornale, mi sdraio al mare
e prendo la mia vita come viene.
Se non ci penso più, mi sento bene.

Cosa ne sarà
dei tanti giuramenti degli amanti,
di tutti i miei rimpianti,
dell'amore e della crudeltà?

Cosa ne sarà
dei sogni nei cassetti, poveretti,
dei grandi amori persi
quando questo tempo finirà?

Se non ci penso più, mi sento bene.
Mi sveglio presto il lunedì e mi sento bene.
Le strade piene quando è Natale,
magari non è niente di speciale,
ma tutto questo mi fa stare bene.

Se non ci penso più, mi sento bene.
Se sto al telefono con te, mi sento bene.
I baci in corsa, le calze a rete,
gli inviti a cena per fare l'amore,
sentirmi bella mi fa stare bene.

Cosa ne sarà
dei pomeriggi al fiume da bambina,
degli occhi di mia madre
quando questo tempo finirà?

Se non ci penso più, mi sento bene.
Se faccio quello che mi va, mi sento bene.
Balliamo un tango sotto la neve,
non penso a niente e tutto mi appartiene.
E più non penso e più mi sento bene.

E non pensare più a cosa dire,
sentirmi libera da me, come i bambini,
restare nudi, lasciarsi andare
e non aver paura di invecchiare,
accarezzare tutto e stare bene.

Forse è tutto qui il mio vivere,
quasi elementare, semplice.

Ridere non è difficile
se cogli il buono di ogni giorno
ed ami sempre fino in fondo.
Adesso voglio vivere così.

Anna Tatangelo - Le nostre anime di notte

Quante bugie ci siamo detti, amore
Quante parole da dimenticare
E continuare a negarlo è soltanto una fragilità
Allontanarsi non è mai la fine
Se si ha il coraggio di ricominciare
Ma non è facile quando si perde la complicità
E adesso siamo qui
Occhi negli occhi, senza nascondigli
Senza difendere più i nostri sbagli
O sfidarci tra noi
E finirà così
E forse è quello che vogliamo entrambi
Ma lo capisco da come mi guardi che in fondo lo sai
Che mai potremo perderci
E più ti guardo, e più vedo la parte migliore di noi
Ma ormai non serve illuderci
Non c’è bisogno di fingerci forti ed in fondo lo sai
Le nostre anime di notte
Quante bugie ci siamo detti, amore
E non è facile dimenticare
Che queste frasi in sospeso nascondono la verità
E adesso siamo qui
E siamo nudi per la prima volta
Senza il timore di fare una scelta e poi non scegliere mai
Mai potremo perderci
E più ti guardo e più vedo la parte migliore di noi
Ma ormai non serve illuderci
Non c’è bisogno di fingerci forti ed in fondo lo sai
Le nostre anime di notte
Sono più limpide che mai
Sono più limpide che mai
Mai
Potrei lasciarmi alle spalle la parte migliore di noi
Ma ormai non serve illuderci
Non c’è bisogno di fingerci forti ed in fondo lo sai
Le nostre anime di notte
Non si perderanno mai

Paola Turci - L'ultimo Ostacolo

Fermati
Che non è l’ora dei saluti
Vieni qui
E abbracciami per due minuti
Guardaci
Da fuori siamo la fotografia del giorno di un mio compleanno
Ricordo quando tu mi hai detto «non aver paura di tremare»
Che siamo fiamme in mezzo al vento, fragili ma sempre in verticale
Magari no non è l’ultimo ostacolo
Ma è bellissimo pensare di cadere insieme
Piove però siamo fuori pericolo
Riusciremo a respirare
Nel diluvio universale
Vetri che
Si appannano dal nostro lato
Scriverci
Parole grandi con un dito
Lettere
Che sbiadiranno solo per metà ma che riscriveremo ancora
Che siamo fiamme in mezzo al vento
Fragili ma sempre in verticale
Magari no, non è l’ultimo ostacolo
Ma è bellissimo pensare di cadere insieme
Piove però siamo fuori pericolo
Riusciremo a respirare
Nel diluvio universale
E cambieremo mille volte forma e lineamenti per non sentire l’abitudine
Ci saranno appuntamenti che sarai obbligato a perdere
E ci impegneremo a stare meglio quando far di meglio non si può
Magari no, non è l’ultimo ostacolo
Piove però siamo fuori pericolo
Riusciremo a respirare
Nel diluvio universale
Ci vedranno attraversare
Nel diluvio universale

Alessandra Amoroso - Dalla tua parte

Lo so che eri abituata a fidarti solo di te stessa
Non esisteva nessun'altra regola che questa
Ed ogni metro, ogni palmo conquistato è stata una fatica
E le discese le puoi contare sulle dita
Lo so che eri abituata a ballare solo sulle punte
Sopra tutti i chiodi della vita
A guardarti le spalle e a difenderti da tutti
Anche da chi non ti aveva mai ferita
Se avrai torto o ragione per me
Non sarà importante
Sappi che io sarò sempre
Dalla tua parte
E senza dubbi ed incertezze
Inganni, scuse o debolezze io
In ogni giorno, in ogni istante
Io sarò dalla tua parte, oh oh oh
Io sarò dalla tua parte, oh oh oh
Perché la vita corre in fretta e non c'è tempo di aspettare
Che sia tu, la sola terra ferma in tutto questo mare
E potrei stare qui in eterno ferma, standoti a guardare
Come un continente, un mondo nuovo da esplorare
Lo so che eri abituata a camminare solo sulle punte
Per non fare mai troppo rumore
A portarti sulle spalle i problemi di tutti
Ma comunque vada
Se avrai torto o ragione per me
Non sarà importante
Sappi che io sarò sempre
Dalla tua parte
E senza dubbi ed incertezze
Inganni, scuse o debolezze io
In ogni giorno, in ogni istante
Io sarò dalla tua parte, oh oh oh
Io sarò dalla tua parte, oh oh oh
Quante volte sei fuggita con la mente?
Quante volte hai già pagato le tue scelte?
Quante colpe ti sei prese senza averle?
Quante volte mi hai risposto, non è niente?
Quante volte io lo so che mi sorriderai?
A tutto quello che hai passato non pensarci mai
Che non cambia niente, che non conta niente, ma
Se avrai torto o ragione per me
Non sarà importante
Sappi che io sarò sempre
Dalla tua parte
E senza dubbi ed incertezze
Inganni, scuse o debolezze io
In ogni giorno, in ogni istante
Io sarò dalla tua parte, oh oh oh
Io sarò dalla tua parte, oh oh oh

venerdì 21 dicembre 2018

Malika Ayane - Quanto dura un'ora

La complicità è saper decidere
Se complicare tutto
E invece lascia correre
Non scegliere tra il bello e il giusto
Come se i giorni fossero telai
Con pozzi di pensieri in mezzo
Se solo sapessi io difendermi
Da quello che vorrei
discuterne e rifletterci
Che poi non si sa mai
Non serve la chiarezza quando già
L'equivoco è un successo
Niente è più fedele di un ricordo che resta
Della nostalgia che appena riesce ti inganna
Se davvero il tempo tocca solo chi ha fretta
Allora chiedi all'infinito quanto poco gli importa
Quanto dura un'ora
Quanto dura un'ora
Dici che la libertà non è
Davvero regalarsi al mondo
Perdersi e poi ricredersi
Lasciare i desideri attorno
Far spegnere un'idea l'attimo prima che
Diventi un chiodo fisso
Non fosse facile nascondersi
Dietro un pigro "non potrei"
Far finta di confondersi
Tanto poi non si sa mai
Non tradire il calore della noia per
Un brivido d'incanto
Niente è più fedele di un ricordo che resta
Della nostalgia che appena riesce ti inganna
Se davvero il tempo tocca solo chi ha fretta
Allora chiedi all'infinito quanto poco gli importa
Quanto dura un'ora
Quanto dura
Niente è più fedele di un ricordo che resta
Della nostalgia che appena riesce ti inganna
Se davvero il tempo tocca solo chi ha fretta
Allora chiedi all'infinito quanto poco gli importa
Quanto dura un'ora
Quanto dura un'ora